quinta-feira, maio 25, 2006




A.C. MILAN COMUNICATO UFFICIALE: RUI COSTA
25/05/2006

L'A.C. Milan comunica di avere risolto consensualmente il contratto stipulato con il calciatore Manuel Rui Costa.

L'A.C. Milan ringrazia Rui Costa per lo splendido comportamento tenuto fuori e dentro il campo e per il prezioso contributo tecnico che nel corso dei cinque anni in cui ha indossato la maglia rossonera ha portato alla conquista di uno scudetto, una Coppa Italia, una Supercoppa di Lega, una Champions League e una Supercoppa Europea.

--------------------------------------------------------------------------------------

TUTTO RUI
25/05/2006

PARTITE UFFICIALI DI RUI COSTA NEL MILAN: 191

RETI: 8

PARTITE IN CAMPIONATO: 124 (4 RETI)

PARTITE NELLE COPPE INTERNAZIONALI: 49 (3 RETI)

PARTITE IN COPPA ITALIA: 17 (1 RETE)

PARTITE IN SUPERCOPPA DI LEGA: 1

--------------------------------------------------------------------------------------

RUI E POI MANCHESTER
25/05/2006

Le sensazioni quando sono forti non invecchiano mai. E' per questo, e non è un modo di dire, che sembra ieri. Notte di mezza estate, notte di inizio luglio: il campione portoghese è in Algarve, il suo procuratore in viaggio verso Roma, il suo futuro amministratore delegato al ristorante nel centro di Milano in attesa di una telefonata. Schegge in libertà, unite da una speranza ridotta al lumicino. Poi i sussurri e i sogni diventato tasselli. Il mosaico si compone e i tifosi rossoneri esultano come per una vittoria. Rui Costa non è stato un acquisto, ma un segnale: il primo passo verso Manchester. Dopo due eliminazioni consecutive nei gironi in Champions League, iniziava a prendere forma il Milan dei cinque successi in un anno e mezzo. Il capitano e Billy c'erano già, Gattuso e Shevchenko pure, Pirlo e Inzaghi erano appena arrivati ma non si erano ancora esibiti una volta in maglia rossonera. Il resto partiva da Rui. La scintilla dell'entusiasmo, la corsa verso Malpensa, la presentazione al Gallia, il passaggio delle consegne al Trofeo Luigi Berlusconi con Zvone Boban che consegna la maglia numero 10 al nuovo artista portoghese. Cinque anni che non sembrano cinque anni, un lustro che sembra una schioppettata. Diciannove partite: è il numero delle gare giocate, un vero e proprio campionato europeo, da San Siro/Liberec a Manchester nel 2002-2003. Quasi in ognuna di esse, Rui ne ha giocate diciotto, una giocata d'aria pura. Grazie per quella Champions e grazie di tutto. Nelle giocate di Kakà, caro Rui, vivrà sempre qualcosa di te.


2 Comments:

Blogger urra...apre said...

Este comentário foi removido por um administrador do blogue.

terça-feira, maio 30, 2006 1:41:00 da tarde  
Blogger urra...apre said...

Nelle giocate di Kakà, caro Rui, vivrà sempre qualcosa di te.

esta frase é arrepiante!

terça-feira, maio 30, 2006 1:42:00 da tarde  

Enviar um comentário

Links to this post:

Criar uma hiperligação

<< Home